Dalla Visione alla Soluzione!
Dalla Visione alla Soluzione! Esperienza e qualità con la forza del gruppo professionale.

Il gruppo professionale

MD STUDIO è una società tra professionisti iscritta al n.2 della sezione speciale tenuta dall'Ordine dei Dottori Commercilialisti ed Esperti Contabili di Biella.

leggi tutto

Le nostre competenze

MD STUDIO partecipa all’analisi e soluzione di problemi direzionali specifici, in tutte le aree della gestione aziendale...

leggi tutto

Dalla visione alla soluzione

La prima tipologia di servizi professionali offerti consiste nell'analisi e soluzione di specifiche problematiche aziendali.

leggi tutto

INFO: Temporary Export Manager, scegli i nostri professionisti!

Chi è il Temporary Export Manager?
In questi ultimi anni, all'interno della struttura organizzativa di alcune PMI, è presente, in misura sempre crescente, una nuova figura la quale può diventare la chiave del successo aziendale sui mercati internazionali, si tratta del Temporary Export Manager, una figura già ben diffusa all'estero e che ora è stata scoperta anche nel nostro Paese.
Il Temporary Export Manager, è un consulente a tempo, esterno all’azienda che, di concerto con l’imprenditore, delinea le strategie aziendali sui mercati internazionali.
Il profilo del Temporary Export Manager?
Il Temporary Export Manager è un professionista con un elevato grado di specializzazione nella creazione e gestione di reti commerciali in outsourcing. Esperto in marketing, con una conoscenza consolidata del mondo aziendale, dotato di competenze linguistiche, gestionali e commerciali il Temporary Export Manager, affianca l’imprenditore, direttamente presso la sua azienda, con il fine di creare una strategia complete di sviluppo commerciale la quale passa dall’individuazione dei mercati target e dei canali di distribuzione ideali, fino al contatto con i prospect ed i buyer internazionali ed alla concretizzazione delle vendite.
Per saperne di più scarica la nostra Brochure TEM

Fatturazione elettronica. Prova la nostra soluzione di studio!

Sei una micro-impresa, una start-up o un libero professionista e non sai come fare per emettere una fattura elettronica?
MD STUDIO ha una soluzione per te!
Un modo facile per emettere le fatture e gestire i relativi incassi in completa autonomia che include anche l'emissione delle fatture elettroniche PA e B2B. I dati poi arrivano automaticamente al nostro server di studio per la gestione della contabilità e di tutti gli adempimenti, con un grande risparmio di tempo e di risorse.
Per maggiori informazioni non esitare a contattarci: info@mdstudioconsulting.it

CIRCOLARI: Circolare per la clientela n.45 del 29.9.2017 – Interventi antisismici e di riqualificazione energetica sulle parti comuni degli edifici condominiali – Cessione delle detrazioni spettanti

E' stata pubblicata la presente Circolare la quale analizza, alla luce dei provvedimenti attuativi emanati dall’Agenzia delle Entrate, la possibilità di cedere la detrazione IRPEF/IRES spettante nel caso in cui siano stati eseguiti:
- interventi antisismici sulle parti comuni condominiali degli edifici ubicati nelle zone ad alta pericolosità, che danno diritto alla detrazione “maggiorata” del 75% o 85%;
- interventi “generici” di riqualificazione energetica sulle parti comuni condominiali, che danno diritto alla detrazione “ordinaria” del 65%;
- interventi di riqualificazione energetica sulle parti comuni condominiali che determinano un rilevante risparmio energetico e che danno diritto alla detrazione “maggiorata” del 70% o 75%.

NEWS: Comunicazione dei dati del primo semestre 2017 – Nuovo termine del 16.10.2017 – DPCM di proroga comunicato Min. Economia e Finanze

Il Ministero dell'Economia e delle Finanze, con comunicato del 4.10.2017 n. 163, ha annunciato essere alla firma un DPCM di ulteriore proroga del termine per l'invio telematico della comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute, riferita al primo semestre 2017. Infatti la prima proroga era stata concessa dal 16.9.2017 al 28.9.2017 la seconda, conseguente ad un provvedimento del direttore dell'Agenzia delle Entrate (provv. 28.9.2017 n. 199339) il quale aveva riconosciuto il differimento del termine al 5.10.2017, in ragione dei problemi di funzionamento del servizio telematico dell'Agenzia ("Fatture e corrispettivi"), protrattisi per alcuni giorni. Ora l'annuncio della ulteriore proroga del termine al 16.10.2017 la quale non interviene però sugli aspetti sanzionatori della comunicazione dei dati delle fatture, per la quale si applica l'art. 11 co. 2-bis del DLgs. 471/97. Su questo ultimo aspetto si è espresso il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercilaisti ed Esperti Contabili (CNDCEC) il quale, con un comunicato stampa del 4.10.2017, ha richiesto al Governo un provvedimento di sospensione delle sanzioni applicabili.

NEWS: Sicurezza del lavoro – Documento di Valutazione dei Rischi (D.V.R.) – Novità nella comunicazione degli infortuni all’INAIL

Si rende noto che, con riferimento all’obbligo di indicazione della figura del RSPP nel Documento di Valutazione dei Rischi (D.V.R), redatto ad opera del datore di lavoro, la sentenza della Corte di Cassazione n.21053 dell’11 settembre 2017 ha stabilito che, in caso di controllo, il documento stesso e/o il nominativo della figura in oggetto fossero omessi (mancata osservazione di disposizioni formali), l’organo verificatore debba procedere alla revoca di tutte le agevolazioni contributive utilizzate dal datore di lavoro con il conseguente recupero delle somme non spettanti e l’aggravio delle sanzioni e degli interessi conseguenti. Pertanto invitiamo la Gentile Clientela di verificare di aver adempiuto a tali obblighi.
Ricordiamo inoltre che da giovedì 12 ottobre p.v. è obbligatorio comunicare all’INAIL, anche se ai soli fini statistici e informativi, gli infortuni subiti dai lavoratori con prognosi di almeno un giorno oltre a quello dell’infortunio. Da tale data, pertanto, i datori di lavoro hanno l’obbligo di comunicare telematicamente all’INAIL, ai soli fini statistici e informativi, entro 48 ore dalla ricezione del certificato medico, anche i dati degli infortuni sul lavoro che comportano l’assenza dal lavoro di almeno un giorno esclusa la giornata dell’infortunio. In caso di omessa o ritardata comunicazione, è prevista una sanzione amministrativa pecuniaria da 500 a 1.800 euro. Resta invece invariato l’obbligo, per il datore di lavoro, di denuncia degli infortuni con prognosi superiore a 3 giorni, oltre a quello dell’infortunio, ed invariate restano le sanzioni (in caso di omessa e/o ritardata denuncia) che vanno da 1.000 a 4.500 euro.